Chiesa del Santo Sepolcro


Ascolta l'audio


La chiesa del monastero, consacrata il 18 novembre del 1117, fu intitolata al Santo Sepolcro per il fervido culto alla sepoltura di Cristo risvegliato dalla prima Crociata in Terra Santa e per la presenza di una reliquia nell'altare maggiore. La chiesa, costruita in stile romanico sull'area di un piccolo oratorio altomedioevale, coincideva all'incirca con i volumi dell'attuale edificio, che è frutto di successive ristrutturazioni. La pianta, tipica delle chiese benedettine vallombrosane, era a croce commissa, o a "T", cioè senza il braccio superiore, aggiunto in seguito, e con un'unica navata: il grande braccio trasversale (transetto) terminava con un'abside centrale a emiciclo. Dopo poco più di vent'anni la chiesa fu ingrandita con la sopraelevazione dei muri perimetrali e con la costruzione di due absidi minori e di una maestosa volta a crociera all'incrocio dei bracci, che doveva sostenere una poderosa torre campanaria. La chiesa rimase a lungo invariata fino all'intervento dell'abate Silvestro De Benedictis tra Quattro e Cinquecento che preludeva alla generale ristrutturazione avvenuta a partire dal 1540 circa, dopo che Venezia concesse all'Ordine Vallombrosano una maggiore autonomia nella gestione del monastero, governato spesso, da quel momento, da abati toscani. I lavori si protrassero fino alla fine del secolo XVI e comportarono l'accorciamento della navata della chiesa per dare più spazio al grande monastero in costruzione, una nuova copertura a botte al posto delle precedenti capriate lignee, la completa decorazione ad affresco e la costruzione di un profondo coro. Rinnovate le cappelle minori nel Seicento, all'inizio del secolo successivo fu dato un nuovo volto alla chiesa con affreschi, grandi tele e stucchi tardobarocchi. Con la soppressione del monastero nel 1797, la chiesa visse un lungo periodo di progressivo abbandono e degrado, accresciuti ulteriormente dopo la vendita a privati nel 1923 e conclusi solo nel 2007 con l'inizio del recupero ad opera della Fondazione MIA.

Per approfondire :
Il restauro di Astino
La Congregazione Vallombrosana

Seleziona un'area di visita


Scalinata e facciataPerimetro esterno della chiesaNavataCappella del Santo SepolcroTransettoCappella maggioreSagrestia